innovazione

E-Ranger: in febbraio i nomi dei finalisti

Data:
29 Gen 2018

Il progetto e-Ranger per la salvaguardia della flora e della fauna delle aree naturali protette entra nel vivo: scaduti il 19 gennaio i termini per candidarsi, le 13 proposte pervenute dall’Italia, ma anche dall’Estonia e dal Regno Unito, sono ora al vaglio di una qualificata giuria, espressione di Trentino Sviluppo, Parco Naturale Adamello Brenta, Università di Trento, TIM, Manfrotto, nVidia, Fondazione Edmund Mach e MUSE.

Le tre migliori idee per lo sviluppo di sistemi di accumulo dell’energia e di visione avanzati e per il controllo delle condizioni atmosferiche estreme sia fisse (stazioni metereologiche) che pilotabili da remoto (droni) riceveranno un premio del valore di 10.000 euro ciascuna, da utilizzare per implementare tali tecnologie.

Nel mese di settembre, in concomitanza con l’ottava Conferenza internazionale dei geoparchi, verrà proclamato il vincitore assoluto dell’iniziativa, il quale si aggiudicherà un ulteriore premio in denaro e la possibilità di portare avanti la propria attività negli spazi modulari di Trentino Sviluppo e di accedere ai laboratori di testing e prototipazione e ai servizi di tutoraggio aziendale della società di sistema provinciale.